UTILITALIA è lieta di invitarvi alla Fiera di Ecomondo gratuitamente. Per usufruire dell'accesso gratuito basta seguire 3 semplici passaggi:
1) Collegarsi al sito di Ecomondo al seguente link:
www.ecomondo.com/ticket
2) Accedere all'area riservata visitatori
3) Attivare in vostro codice invito
F1UTL
 
     
  GLI EVENTI  
0601  Martedì 6 novembre Sala Ravezzi 2 Hall Sud
14.00-18.00

LA GESTIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI: TUTELA DELLA SALUTE E DELL’AMBIENTE, LEGALITA’ ED ECONOMIA CIRCOLARE

A cura di: Comitato Tecnico Scientifico Ecomondo e UTILITALIA 

 

Sebbene rappresentino una parte minoritaria dei rifiuti prodotti, i rifiuti pericolosi rimangono un flusso di prioritaria importanza in quanto una loro cattiva gestione può comportare ricadute negative sulla salute e l’ambiente. Il convegno sarà finalizzato ad approfondire gli aspetti principali della gestione dei rifiuti pericolosi, la normativa di riferimento, le modalità e le tecnologie di trattamento.
Utilitalia ritiene importante promuovere la discussione e il confronto sulla necessità di una strategia (europea e nazionale) di gestione dei rifiuti pericolosi sia di origine domestica che industriale, sui vincoli e gli obbiettivi di raccolta e gestione, con un focus particolare sulle difficoltà che la situazione nazionale è chiamata a superare (deficit impiantistico, esportazione, smaltimento illegale ecc.). Sono invitate a partecipare al confronto istituzioni e autorità pubbliche, imprese e associazioni di imprese (europee e nazionali) che gestiscono rifiuti pericolosi, rappresentanti del mondo politico e delle associazioni ambientaliste.

  il programma
  Iscriviti
 
0602 Martedì 6 novembre Piazza delle Utilities PAD D1
14.30-17.45

VALORIZZAZIONE DEI FANGHI DI DEPURAZIONE: ASPETTI NORMATIVI E SANITARI

A cura di: EcomondoScientific Technical Committee, Utilitalia, Università di Brescia, Università delle Marche, Utilitalia, Confservizi CISPEL Lombardia      

 

Il ciclo idrico urbano può rappresentare l’elemento motore di una bioeconomia circolare le cui componenti comprendono i fanghi provenienti dalla depurazione delle acque reflue, fanghi per i quali è oggi possibile poter fare affidamento su soluzioni innovative sperimentate a livello nazionale ed internazionale. Si tratta di un inevitabile sottoprodotto della depurazione che costituisce un elemento rilevante ed al tempo stesso assai impegnativo sotto diversi profili, è noto infatti che riguardo a tale tema le imprese idriche possono trovarsi di fronte a problemi di carattere normativo, economico e di rapporti con il territorio di non agevole soluzione, problemi che a volte possono ostacolare non solo le soluzioni di tipo tradizionale ma anche quelle di carattere più eco-innovativo. Questa sessione prende in esame la situazione italiana, gli ostacoli rilevati e quali soluzioni sono realisticamente ipotizzabili sia nel breve che nel lungo periodo.

il programma
  Iscriviti
 
0701 Mercoledì 7 novembre Piazza delle Utilities  PAD D1
9.30-13.15

SCARSITA’ DI ACQUA IN ITALIA E NEI PAESI DEL MEDITERRANEO: SFIDE E STRATEGIE DEGLI OPERATORI IDRICI -
Modulo 1
- NUOVI MODELLI DI GOVERNANCE PER FRONTEGGIARE LA SCARSITA’ IDRICA NEL NOSTRO PAESE

A cura di: EcomondoScientific Technical Committee, Utilitalia, Università di Brescia, Ministero Ambiente, Associazione Idrotecnica Italiana

 

I fenomeni di siccità che hanno colpito l’Italia negli ultimi anni,ed in particolare nel 2017, si sono manifestati nei termini di ridotta disponibilità idrica per tutti gli utilizzi (dall’agricoltura all’uso civile). Secondo gran parte degli esperti il cambiamento climatico in corso enfatizzerà sempre più nel futuro questa tendenza e ciò richiederà un nuovo approccio in termini di tecnologie, investimenti, strategie gestionali e meccanismi di regolazione che dovranno interessare non solo l’Italia ma anche gli altri Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. L’obiettivo comune di questo sforzo sarà l’incremento dell’efficienza dei sistemi di distribuzione ed utilizzazione esistenti, la razionalizzazione dei consumi, come anche che per la ricerca di nuove fonti sia convenzionali che non. Nel secondo modulo viene analizzata una delle possibili tecnologie in grado di fornire una risposta in alcune realtà, si tratta della dissalazione. Oggi nel nostro Paese la dissalazione nel comparto idropotabile svolge un ruolo del tutto marginale, tuttavia in alcune aree risulta di indubbio interesse per assicurare, anche a fronte dell’acuirsi del mutamento climatico, l’approvvigionamento idrico in presenza di una domanda stagionale non adeguatamente garantita dalle disponibilità idriche preesistenti.

  il programma
  Iscriviti
 
0702 Mercoledì 7 novembre Sala Ravezzi 1  Hall Sud
9.30-13.30

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA ESPERIENZE INTERNAZIONALI NELLA PROSPETTIVA DI UN’ECONOMIA CIRCOLARE

A cura di: Utilitalia e Comitato Tecnico Scientifico Ecomondo        

 

Dodicesimo incontro annuale dedicato alla valutazione dei progressi conseguiti nella gestione dei rifiuti urbani attraverso il confronto con le realtà internazionali. Dopo la rassegna dei sistemi di gestione in importanti aree metropolitane europee svolto negli ultimi anni, l’attenzione si sposta ai modelli organizzativi di interi bacini e ambiti territoriali. Verranno analizzate le diverse scelte strategiche adottate a livello europeo e nazionale da parte di Paesi, regioni e ambiti territoriali non solo riguardo i sistemi di raccolta ma anche riguardo la definizione del fabbisogno di trattamento, le scelte impiantistiche e tecnologiche, la pianificazione dei flussi e le strategie industriali adottate per conseguire i nuovi ambiziosi obiettivi di riciclaggio e riduzione del conferimento in discarica dei rifiuti urbani definiti nel nuovo pacchetto di misure sull’economie circolare.

  il programma
  Iscriviti
0701 Mercoledì 7 novembre Sala Cedro (C7)   
13.30-16.30

SCARSITA’ DI ACQUA IN ITALIA E NEI PAESI DEL MEDITERRANEO: SFIDE E STRATEGIE DEGLI OPERATORI IDRICI - Modulo 2 - DISSALAZIONE COME STRUMENTO PER FRONTEGGIARE LA SCARSITA’ IDRICA

A cura di Utilitalia; Associazione Idrotecnica Italiana, IWA Italia, HERA

 

I fenomeni di siccità che hanno colpito l’Italia negli ultimi anni,ed in particolare nel 2017, si sono manifestati nei termini di ridotta disponibilità idrica per tutti gli utilizzi (dall’agricoltura all’uso civile). Secondo gran parte degli esperti il cambiamento climatico in corso enfatizzerà sempre più nel futuro questa tendenza e ciò richiederà un nuovo approccio in termini di tecnologie, investimenti, strategie gestionali e meccanismi di regolazione che dovranno interessare non solo l’Italia ma anche gli altri Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. L’obiettivo comune di questo sforzo sarà l’incremento dell’efficienza dei sistemi di distribuzione ed utilizzazione esistenti, la razionalizzazione dei consumi, come anche che per la ricerca di nuove fonti sia convenzionali che non. Nel secondo modulo viene analizzata una delle possibili tecnologie in grado di fornire una risposta in alcune realtà, si tratta della dissalazione. Oggi nel nostro Paese la dissalazione nel comparto idropotabile svolge un ruolo del tutto marginale, tuttavia in alcune aree risulta di indubbio interesse per assicurare, anche a fronte dell’acuirsi del mutamento climatico, l’approvvigionamento idrico in presenza di una domanda stagionale non adeguatamente garantita dalle disponibilità idriche preesistenti.

  il programma
Iscriviti
 
0702L Mercoledì 7 novembre Piazza delle Utilities                                                                             Lunch Conference PAD D1
13.30-14.50

L’INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELL’AMBIENTE NEL S.I.I.:ESPERIENZE DI SIMBIOSI INDUSTRIALE, SINERGIE E INCUBAZIONE

A cura di: Utilitalia

 

Il Gruppo CAP sta portando avanti una serie di sperimentazioni, che riguardano suoi impianti, assieme ad importanti gruppi industriali per verificare la possibilità di simbiosi industriale in diverse aree di attività che vanno dalla valorizzazione degli scarti industriali, alla ottimizzazione di gruppi di “pompaggio solare”, all’uso della tecnologia nel campo della sensoristica avanzata. Si tratta di esempi di sinergie fra settori diversi in grado di creare del valore sul territorio interessato. Il seminario illustra le attività in corso

  il programma
  Iscriviti
 
0703 Mercoledì 7 novembre Piazza delle Utilities   PAD D1
15.00-17.30

SEMINARIO TECNICO SULL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L’INFORMATIZZAZIONE NELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

A cura di: Utilitalia

 

Evoluzione tecnologica e innovazione nel settore dei mezzi e delle attrezzature per la raccolta dei rifiuti urbani. Il seminario, ormai diventato un appuntamento annuale per gli esperti e gli operatori del settore, rivolto agli operatori e alle imprese associate, è finalizzato a mettere in evidenza le principali novità che riguardano il settore in un’ottica di innovazione tecnologica e informatizzazione sulla base delle best practices nazionali del mondo delle utilities ambientali.

  il programma
  Iscriviti
 
0801 Giovedì 8 novembre Sala Global Water Expo PAD D1
10.00-18.00

ACQUA POTABILE: NUOVA DIRETTIVA EUROPEA, WATER SAFETY PLANS E NUOVE SFIDE
Modulo 1 - IMPATTO DELLA PROPOSTA DI MODIFICA DELLA DIRETTIVA ACQUE POTABILI
Modulo 2 -
SFIDE TECNICHE

A cura di: EcomondoScientific Technical Committee, Utilitalia, Istituto Superiore di Sanità, Università di Brescia  

 

La Commissione Europea ha proposto uno schema di nuova Direttiva sulle acque potabili che aggiorna e rivede I parametri di qualità dell’acqua potabile. Si tratta di una manovra di vasto respiro che comprende i contaminanti emergenti (interferenti endocrini, cloriti/clorati, PFAS,…), l’introduzione dell’analisi di rischio dei sistemi acquedottistici (Water Safety Plan), le informazioni da fornire ai cittadini. La proposta di direttiva, pubblicata nel Febbraio 2018, solleva tuttavia diversi aspetti critici con significativo impatto sugli aspetti tecnici, economici e sanitari a partire dal non completo allineamento con le ultime e più aggiornate indicazioni sul piano scientifico che provengono dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO).Il workshop affronta l’argomento in termini di regole generali e di impatto regolatorio nel primo Modulo mentre il secondo Modulo prende in esame le risposte tecniche che possono essere fornite sul piano tecnico/gestionale ai temi contenuti nella proposta della Commissione. 

  il programma
  Iscriviti
 
0802 Giovedì 8 novembre Sala Diotallevi 2 Hall Sud
9.30-13.30

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA

A cura di: Utilitalia, ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale , Comitato Tecnico Scientifico Ecomondo  

 

Nell’ambito di una strategia europea per lo sviluppo di un'economia circolare e di utilizzo efficiente delle risorse e in uno scenario di mercato globale delle materie prime seconde in forte evoluzione, il settore dei rifiuti richiede un’azione normativo-regolatoria centrale che sappia coniugare tutela degli utenti ed efficienza gestionale in un’ottica di sostenibilità ambientale, economica e sociale.
In tale contesto e alla luce del nuovo assetto regolatorio che si sta delineando nel settore dei rifiuti, a partire dall'istituzione della nuova Autorità di regolazione (ARERA), Utilitalia insieme a ISPRA organizzano un momento di riflessione e confronto sull’attuale e futuro sistema tariffario quale strumento fondamentale per favorire lo sviluppo industriale del ciclo integrato di gestione dei rifiuti, rendere più trasparente l’erogazione del servizio, responsabilizzare i vari attori coinvolti, attraverso l’introduzione di una tariffa corrispettiva a copertura integrale dei costi “efficienti”, strutturata omogeneamente a livello nazionale e coerente con il principio “chi inquina paga”. 

  il programma
  Iscriviti
 
0803 Giovedì 8 novembre Piazza delle Utilities PAD D1
15.00-17.30

SEMINARIO TECNICO SU STRATEGIE INDUSTRIALI E INNOVAZIONE TECNOLOGICA NEI SISTEMI DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI

A cura di: Utilitalia, ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale , Comitato Tecnico Scientifico Ecomondo  

 

Seminario tecnico finalizzato a illustrare le novità in materia di strategie industriali, innovazione nei processi e nelle tecnologie per il trattamento dei rifiuti.
Verranno presentate esperienze innovative consolidate o in fase di implementazione a livello europeo e nazionale.
Sono previsti approfondimenti su aspetti di carattere ambientale, tecnologico ed economico. 

  il programma
  Iscriviti
 
0901 Venerdì 9 novembre Piazza delle Utilities PAD D1
11.30-13.00

PRESENTAZIONE UFFICIALE SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI 2018

A cura di: Ministero dell’Ambiente, ANCI, Città metropolitane di Roma e Torino, Regione Sicilia, Utilitalia, Legambiente, AICA, E.R.I.C.A. Soc. Coop. ed Eco dalle Città.

 

Seminario tecnico finalizzato a illustrare le novità in materia di strategie industriali, innovazione nei processi e nelle tecnologie per il trattamento dei rifiuti.
Verranno presentate esperienze innovative consolidate o in fase di implementazione a livello europeo e nazionale.
Sono previsti approfondimenti su aspetti di carattere ambientale, tecnologico ed economico. 

  il programma
  Iscriviti
 
Come Arrivare

Auto

Il quartiere fieristico si trova in via emilia 155 a Rimini, è collegato alla rete autostradale A14, la Bologna-Bari-Taranto, che a sua volta è collegata con le principali autostrade europee
Uscita: Rimini Sud (7 km.) - Rimini Nord (6 km.)
Viabilità consigliata tragitto dagli hotel a Rimini Fiera e viceversa:

Treno
Una fitta rete ferroviaria collega Rimini alle principali destinazioni nazionali ed internazionali (stazione ferroviaria di Rimini -> Rimini Fiera: bus n. 9).
Il quartiere è dotato di una stazione ferroviaria interna di linea sulla Milano - Bari: durante le manifestazioni, 15 treni, in direzione nord e sud, portano il pubblico direttamente in fiera da ogni parte d´Italia, da Rimini e dalla costa.
Scarica orari e fermate (gli orari possono subire variazioni si consiglia di verificare anche sul sito trenitalia, inserendo come partenza o destinazione "RiminiFiera" e inserendo l´esatta data dell´arrivo o della partenza).

Aereo
Il quartiere fieristico di Rimini è a soli quindici minuti d´auto dall´Aeroporto Internazionale di Rimini - San Marino "Federico Fellini"
WWW.ECOMONDO.COM